IPACK-IMA: il primario sempre più sofisticato

L’Osservatorio è stato partner della più grande manifestazione in Italia sul packaging e settori affini. Ipack-ima è una fiera nella quale si presta un’attenzione specifica agli imballaggi per alimenti freschi soltanto nella sezione Meatech, dedicata alla lavorazione e al packaging della carne e dei salumi. La tendenza generale che abbiamo colto è l’automazione sempre più spinta delle fasi di imballaggio (il fine linea ormai si può effettuare senza intervento umano grazie a robot mobili e articolati). Si tende inoltre a realizzare packaging primari (quello direttamente in contatto con gli alimenti) molto sofisticati.

Tra i diversi riconoscimenti, il primo premio Oscar dell’Imballaggio, assegnato ogni anno dall’istituto Italiano dell’Imballaggio, è andato a Gro-Key, un sistema di packaging della Goglio Luigi.
Si tratta di una coppetta impermeabile al vapore acqueo con coperchio ermetico, sigillata senza saldature e con un incastro del bordo della coppetta e del coperchio.
È stata progettata per la conservazione di cibi da riscaldare in forno a microonde e consente di estendere la shelf life di 2/3 settimane.
Un software consente di programmare l’estrazione dell’aria e l’iniezione di gas in funzione delle diverse temperature di conservazione e dei prodotti alimentari contenuti. Una volta inserita nel microonde, la coppetta si apre automaticamente quando la temperatura raggiunge i 100°.  Il prodotto è completamente isolato e si adatta a ogni temperatura. È evidente la conseguente semplificazione dell’imballaggio di secondo livello da utilizzare nello stoccaggio e nel trasporto.