Logistica dell’e-commerce: problemi e soluzioni

Pubblico numeroso, attento e partecipe all’appuntamento autunnale di OITA del 14 novembre a Roma “Il trasporto degli alimenti tra logistica ed e-commerce”. Sul tavolo un tema di estrema attualità: le opportunità e le conseguenze dell’esplosione dell’e-commerce e soprattutto di quello alimentare.

La valenza economica e di sviluppo del fenomeno e-commerce alimentare è evidente e costituisce un’opportunità per il nostro Paese. Nel 2017 il Food & Grocery vale 812 milioni di euro, con un incremento del 37% rispetto al 2016, di cui l’87% attribuibile all’alimentare vero e proprio. Il solo sottosettore dei cibi pronti conta attualmente 200 milioni di euro, con una crescita del 66% in confronto allo scorso anno.

Le conseguenze dello sviluppo e-commerce sono potenzialmente critiche, con un accento marcato sul traffico logistico, specie in ambito urbano. Entro il 2025 un quarto dei clienti dell’e-commerce reclamerà una consegna in giornata o in poche ore. La sfida, come si può ben capire, riguarda l’intero processo gestionale delle tempistiche relative al traffico commerciale su strada.

Massimo Marciani, tra i massimi esperti del settore, membro del Comitato Tecnico Scientifico di OITA durante il convegno “Il trasporto degli alimenti tra logistica ed 
e-commerce” ha evidenziato con lucidità questi problemi, approfonditi nel nuovo Quaderno del Freight Leaders Council, “La logistica ai tempi dell’e-Commerce, presentato in anteprima dal presidente Antonio Malvestio.

Le soluzioni? Per OITA vanno identificate nello sviluppo di una strategia logistica scientifica, nella ricerca tecnologica sui mezzi di trasporto e sugli allestimenti, nello sviluppo di nuove soluzioni che riguardano i contenitori della merce, nelle potenzialità telematiche, nel progresso condiviso di nuove e più moderne normative, nell’introduzione di certificazioni volontarie, e per finire, nella programmazione intelligente di tempi e modi che concernono la logistica in ambito urbano.

Il convegno è stato realizzato grazie alla collaborazione di Roma Metropolitane.
Le presentazioni effettuate nel corso del convegno sono disponibili a richiesta rivolgendosi all’ufficio stampa di OITA, che è anche a disposizione per approfondimenti e dati.

Scarica il comunicato stampa